Pinterest

Ho sempre ammirato l’immortalità della Fenice, la sua capacità di sopportare tutto  e di sforzarsi ancora.
La leggenda narra che la Fenice era una creatura di una bellezza senza pari, un esempio e un modello di perfezione per eccellenza.

Rinascere dalle ceneri come una fenice” significa superare gli ostacoli apparentemente insormontabili.

L’ho scelta come simbolo per cambiare gli eventi che mi hanno ridotto “in cenere”, personalmente e professionalmente, e che mi ha permesso di  “risorgere”.

E’ possibile superare la negatività e riformare la percezione del mondo intorno a te; spesso le risposte sono proprio lì, davanti ai tuoi occhi, sii positivo, affronta e riconosci le emozioni.

Il mio mondo, anni fa, esplose in una palla di fuoco.

Ho perso figlio e famiglia, i miei beni, la mia salute e innumerevoli altre cose che avevo.
Come la mitologica Fenice, mi alzai dalle ceneri, e ancora oggi ne ho qualcuna sulle ali da scuotermi di dosso.

Sai, abbiamo molto più in comune come esseri umani di quanto immagini, siamo tutti marinai nella stessa barca in cerca della luce e dell’ispirazione che ci guidino lungo il viaggio, ma credimi, ogni persona può diventare una fenice nelle sue lotte.

Non rimanere impantanato in labirinti di autocommiserazione e dubbio, non importa quanto abbandonato, isolato, solo ti senta, le cose andranno meglio.

Forse non oggi o domani, o quando pensi che dovrebbero, ma con positività tutti attraverseremo i momenti difficili.

L’essere ottimista, costruttivo,creativo fa si che gli individui si sentano bene con se stessi, permeando emozioni e creando slanci per il cambiamento.  Le emozioni non sono statistiche, dati o fatti, sono energia pura, il carburante del pensiero e delle scelte di vita, sapevi che circa il 90 per cento delle decisioni derivano dall’emotività ?

Rifletti: se ci sentiamo fiduciosi e positivi, facciamo automaticamente un processo di auto-sviluppo che io chiamo appunto “Fenicità” una miscela di Fenice e positività, cioè l’arte di usare pensieri e comportamenti per arrivare a manifestare e raggiungere gli obiettivi, le mete, il successo.

La maggior parte di noi è sottoposta a una bella  dose giornaliera di negatività.  Mi viene in mente il vecchio adagio, “tu sei quello che mangi”, noi siamo responsabili di quello che pensiamo, quindi siamo ciò che pensiamo….l’avrai sentito, letto una moltitudine di volte, ma è vero.

I pensieri positivi provengono dai nostri punti di vista individuali, le percezioni del mondo e degli eventi che ci circondano, quindi possiamo benissimo  imparare a controllare le energie.

Abbiamo bisogno di trovare il positivo in ogni cosa, dobbiamo coltivarlo non solo pensarci.

Abbraccia i lati positivi della vita e ricorda l’Araba Fenice!

 

Autore dell’articolo: Adry.w

Tutti i diritti riservati

 




Pinterest

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>