Pinterest

Perché la gente continua a mangiare cibo spazzatura, anche quando il medico dice che la pressione e il colesterolo sono troppo alti?

Perché alcune persone permettono continue critiche e paternali dal marito/moglie o dai genitori e non sanno stare in piedi da soli?

Perché altre continuano a spendere più di quello che guadagnano, anche se sanno che potrebbero perdere casa, macchina e non hanno abbastanza soldi per arrivare a fine mese ?

Perché mettersi in questo stato di ansia perenne?

Perché dubiti delle tue abilità.

Secondo alcune ricerche una paura terribile per parecchi individui, è quella  di parlare in pubblico, seguita dal pensiero della morte. Pensi che suonino bene?  Parlare in pubblico non è aver paura di parlare, tutti lo fanno con gli amici, ma entrano quasi in panico se devono farlo con tre o più sconosciuti.

Perché?

Perché sentono che stanno per essere giudicati, sia per quello che dicono e come lo dicono, colmi di incertezze e timori  per la risposta che otterranno.

Quasi tutti i problemi del mondo possono essere risolti credendo  in te stesso e non preoccupandoti continuamente e avidamente,  di ciò che gli altri pensano di te.

Come ho già detto in precedenza, una delle caratteristiche dell’ansia è il non far nulla per farvi fronte. Perché?

Perché vorrebbe dire credere di più in se stessi e meno in quello che pensano gli altri.                                                                                                    Significa insomma non temere come il mondo reagirà.

Lascia che ti racconti una “storiella” per illustrarti meglio quello che voglio dire …

Daniela sta spendendo più di quello che sta guadagnando.  Ha quattro carte di credito che hanno raggiunto il limite e sta cercando di ottenerne una quinta..

…è  ovviamente molto ansiosa perché  sta pagando  100 euro al mese di interessi e se prosegue  sa anche dove ciò la può portare, rischia di perdere casa, macchina , e ritrovarsi in un appartamentino decadente….ma non sta facendo niente, nada, nulla pur sapendolo.

Potrebbe chiedere al suo capo un aumento….“….e se lui/i scoppia a ridermi in faccia ?”.

Oppure iniziare qualche lavoretto da casa, qualsiasi cosa  …..”ma  io non so organizzarmi per gestire un’attività in proprio….”.

In alternativa, Daniela può ridurre le spese, questo può significare vendere la macchina e prendere l’autobus…..“Oddio, che cosa penseranno  i vicini?”.

Andare a vivere in una casa più piccola,  “….che vergogna! I miei  amici penseranno che vivo al di sotto della soglia della povertà.”

O ancora…. coltivare un piccolo orto anche sul balcone per risparmiare…“…ma io non ho il pollice verde!”.

Vedi come l’ansia si autosostiene? Utilizza le paure e i dubbi per tenerti  prigioniero/a tra le sue grinfie.

Ecco perché è necessario essere in grado di entrare in uno spazio tuo personale, ogni giorno, in cui questi veleni non ti possano toccare.

Vorrei poter caricare un “virus cleaner”nel tuo cervello che immediatamente cancellerebbe ogni dilemma dal tuo subconscio, ma ciò significherebbe che sei un Pc, un robot , ammettilo, ammettiamolo,  noi esseri umani non siamo così facilmente “riprogrammabili”

Ecco un rapido esercizio per aiutarti, devi però apriti e vedere  cosa si nasconde dietro l’ansia che ti attanaglia ogni giorno:

1. Scrivi ciò che la causa.

2. Fai un elenco  con più risposte di buon senso che potrebbero migliorare la situazione.

3. Accanto a ciascuna voce della lista, aggiungi, in tutta onestà, perché non vuoi intervenire su tali soluzioni.

Alla fine, è come  un mestiere. Abbiamo scelto di non affrontare a breve termine esperienze che ci intimoriscono e preferiamo vivere  giorno dopo giorno con l’ansia perpetua.
….e poiché il risultato del cambiare le nostre vite è per lo più a lungo termine, e non arriverà se non  dopo settimane, mesi,anni… lo ignoriamo.

Affrontare ansia, titubanza ecc. suona come un durissimo lavoro, le cattive azioni hanno il sapore del miele, quelle buone, in funzione del tuo benessere interiore , della tua crescita, quello del veleno, ma allora……sei un masochista auto-sabotatore ?…rifletti.

 

Autore dell’articolo: Adry.W

Tutti i diritti riservati




Pinterest

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>