Pinterest

affermazioni,decretare per te stessoIo di solito non dico queste quattro parole ad alta voce, ma ci penso :  se lo dici tu…

Mi vengono in testa ogni volta che leggo o sento dire, inclusa me, cose come:

-Non sono molto creativo/a (se lo dici tu…).

-Non sono brava a seguire le mie idee (se lo dici tu …).

-Le relazioni sono davvero difficili (se lo dici tu …).

Cos’hanno tutte queste dichiarazioni in comune?

Sono basate sulla vita di qualcuno o sul mondo in generale, sono solo vere soggettivamente (per la persona che le dice), ma non dovrebbe essere così.

Mi spiego meglio, possono essere cambiate, se la persona decide di dichiarare qualcosa di diverso (anche l’esatto contrario).

Forse secondo la tua esperienza, queste cose sono vere, ma la domanda è: desideri che siano vere oppure saresti più felice se il contrario fosse vero(o qualcosa di molto diverso)?Perdona il gioco di parole …

I Decreti

Nei tempi antichi (e, in alcuni luoghi, ancora oggi), re e regine governavano per decreto, l’applicavano alle questioni di diritto, i costumi sociali, e talvolta anche alle unità di misura.

Che potere, eh?

Indovina un po’, questo stesso potere ce l’hai nella tua di vita.

Quanta della tua realtà è determinata, semplicemente dichiarando che è così, eh si, regoliamo le nostre esistenze per decreto!

Nei miei anni in Sudamerica, mi sono avvicinata a un tipo di metafisica che è in gran parte composta da decreti da esprimere a voce alta, su te stesso e i tuoi desideri, conosco anche il Buddismo e anche lì la ripetizione di preghiere, o solo di una parola alza l’energia interiore , fisica e spirituale e ti dirò che funziona, eccome.

Allora perché decretare ciò che non ti serve? Perché dovresti rafforzare “non sono molto creativo/a” oppure “ho sempre lottato con i soldi” se vuoi il contrario?

Pensaci: un re non avrebbe mai emesso un decreto che l’intero regno doveva mancargli di rispetto, una regina non avrebbe mai decretato che tutti nel palazzo erano tenuti ad ignorare i suoi desideri.

Uomini e donne potenti nella storia, e anche oggi, dichiarano regole che servono (… nel caso di dirigenti “benevoli”, l’interesse di coloro che presumibilmenteservono).;-)

Quindi, dal momento che regoli il tuo esistere con decreti, perché non essere un sovrano benevolo, dichiarando editti personali per raggiungere quello che desideri?

Cambia le regole

Allora, come fai a esaminare le dichiarazioni (o “regole” autoproclamate) e renderti conto che alcune non ti sono utili, come si avvia il processo per cambiarle?

Di solito, il primo passo è la consapevolezza, ascoltarti quando parli di te. Spesso è più facile da individuare negli altri, ma non si tratta di puntare il dito ecc.

Il passo successivo è quello di rendersi conto quando stai effettuando un decreto (soprattutto quelli importantissimi come “Io sono …”che riflettono la tua auto-identità).

Il terzo passo è fare una cosciente, dichiarazione positiva circa la persona che vuoi essere e la vita che vuoi.

Riguardo il vivere, secondo me ci sono due modi per farlo:

  • vivere del tuo passato.
  •  Fare una dichiarazione di potenziamento decidendo di essere nel presente e in movimento verso il futuro.

Chiaramente, la seconda opzione è migliore, ma come iniziare seguendo le parole che hai scelto con convinzione?

Semplice, lo stai già facendo!

Ogni volta che parli di te, stai esercitando il potere della dichiarazione, tutto sta nel soddisfarla coscientemente, con parole positive su chi vuoi essere e il modo in cui vuoi vivere.

Ecco un esempio personale:

All’inizio di quest’articolo, ho usato “Io non sono brava a seguire le mie idee.” Nel corso del tempo, però, mi sono resa conto che:

1. questa convinzione non mi serviva (semplicemente aumentava la mia frustrazione e la pila crescente di progetti parzialmente finiti).

2. Era una dichiarazione opzionale che non dovevo più accettare. Posso cambiare a piacimento, il che è proprio quello che ho deciso di fare.

Non sto cambiando in una notte, è un processo attualmente in corso, ecco alcuni punti che mi stanno aiutando:

Affermazioni – Il 1 ° gennaio 2013, ho scritto la parola FINE a una faccenda che sentivo mi faceva male, ma dovevo ancora consapevolizzarmi totalmente, , combinato però con le affermazioni che dicevo, ha innescato un cambiamento per quest’anno … che ho intenzione di continuare nel 2014 e oltre.

La prova – Sto creando una sorta di “prova senz’alibi” per vedere la mia capacità di completare i progetti, ad esempio reports, ebook ecc..

In questo modo, se mi sorprendo a scivolare di nuovo nelle vecchie  dichiarazioni infruttuose, posso rivolgermi a me stessa  e alla vita che sto creando consapevolmente, ogni tanto inciampo, è vero, ma poi insisto e non demordo.

Processo – Un altro approccio utile è quello di riconoscere che questo è un processo, invece di colpevolizzarmi sul progetto incompiuto, mi coccolo per i progressi che sto facendo.

Ciò che più è cambiato per me quest’anno è la consapevolezza che la maggior parte di quello che ho vissuto come fatti oggettivi sono in realtà credenze soggettive, ed è particolarmente vero per le credenze su di me, come vivo, e come vedo il mio intorno.

Ho anche capito che queste ultime determinano la nostra realtà, che arriviamo a scegliere le convinzioni, quindi certamente ci conviene farlo con quelle che sostengono unalta visione di noi stessi.

Allora, che ne dici?

Torniamo alla nostra frase iniziale: se lo dici tu

Ritenendo che molto di quello che dici diventa vero per te, chiediti: cosa voglio che sia reale, cosa voglio rafforzare, e ancora cosa voglio decretare?

Non sto suggerendo che ogni parola che esce dalla tua bocca o penna (o  tastiera, smartphone, tablet, ecc.) abbia il suo potere, ma  semplicemente che tu sei potente oltre misura, e gran parte di tutto ciò risiede nelle tue parole, le tue dichiarazioni.

Le stai già utilizzando ogni ora, ogni giorno, perché non usarle a tuo vantaggio, perché non lasciare che le tue parole ti servano, rinforzando le dichiarazioni positive creando così la vita che desideri?

Perché non decreti ciò che vuoi essere?

Mi piacerebbe avere le tue opinioni, qui sotto.

Ti auguro una serena serata.

 

Copyright ©Adry.W – Tutti i diritti riservati

 




Pinterest

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>