Pinterest

 

Penso che ci siano tre tipi di persone.

I vincitori, che sanno quello che vogliono e comprendono il loro potenziale e le possibilità.
I perdenti, che non hanno neanche un indizio di quello che sono, si limitano a  modellare la loro vita e la loro immagine seguendo passivamente le circostanze.

Il terzo gruppo invece consiste in potenziali vincenti le cui esistenze sono solo fuori allineamento. Voglio definirli come  “vincitori ribelli”, spesso m’identifico con questa categoria, specialmente  negli ultimi mesi.

Può essere che abbiano solo bisogno d’imparare a essere vittoriosi, probabilmente sono stati urtati malamente diverse volte e sono andati fuori rotta di qualche grado sentendosi temporaneamente confusi.

Un rapporto fallito, aver perso il lavoro, problemi finanziari, obiettivi non ben strutturati e sfruttati strategicamente, la mancanza di sostegno parentale ed economico, malattie … molte cose sono in grado di portarti fuori rotta.

Ma questi “individui” non si perdono d’animo, hanno solo bisogno di qualche ritocco e di coaching per farli tornare sulla giusta rotta, molti appartenenti a questo gruppo sono facilmente identificabili perché sono sempre alla ricerca.

In questo momento, ce ne sono parecchi là fuori sfidando pioggia, vento e  nevischio, perché credono fermamente di avere talenti non ancora sfruttati.  Leggono, s’informano, studiano senza sosta, seguono seminari motivazionali e si tuffano di testa, con il pensiero fisso che prima o poi troveranno  la loro strada di nuovo.

Gli amici, le persone care vedono che sono fuori sincronia e si chiedono perché non riescono a essere soddisfatti, perché non si stabilizzano, perché  queste persone che hanno abilità e potenziale evidenti, possano essere così disorientate e incerte, è difficile per gli altri capire la crudezza di una rotta a zig zag o il vuoto doloroso di uno spirito non guidato.

Tu ed io sappiamo di cosa sto parlando. Sei stato lì, magari anche adesso.

Sai che ci sono possibilità là fuori, ma troppo spesso ti senti bloccato , hai paura di rischiare di più a causa di ciò che hai già messo a repentaglio o perso.

So quanto sia difficile anche per te, ma la missione di noi vincitori ribelli  e quella di continuare a testare noi stessi, anche se siamo stati feriti o abbiamo sbagliato in precedenza, è l’unico modo per crescere.

Lo dico sempre nei miei articoli e a me stessa, tutti abbiamo la capacità di cambiare, di condurre una vita produttiva e significativa e di risvegliare la nostra coscienza.

Conosciamo i tempi duri, ne verranno altri, quindi prepariamoci e saremmo in grado di gestirli.
Quando sali su un aereo e ti siedi, qual’è la prima cosa che ti dicono di fare? Allacciare le cinture di sicurezza, assicurarle bene per le turbolenze.

Quando decidi comunque di andare verso un livello successivo di realizzazione, è necessario mettere le cinture, perché il sedile mentale e spirituale deve sopportare la turbolenza del cambiamento per crescere.

Trova almeno quattro ragioni per le quali non puoi permetterti di soccombere alle tue paure e ai tuoi guai. Cerca le fonti profonde della motivazione che ti possono alzare al di sopra della nuvole e quindi delle turbolenze.

Perché devi cambiare la tua vita? Ad esempio:

perché non hai ancora sfruttato del tutto i talenti che hai, vuoi lasciare qualcosa di più per i tuoi figli, perché vuoi vivere la vita piuttosto che viverti addosso, vuoi fare ciò che ti rende felice.

Proprio questi momenti così impervi, complessi, colmi di ansie e preoccupazioni sempre presenti all’appello ogni mattina, sono anche i primi a portarti verso il cambiamento per poi filare come il vento.

Nei tempi prosperi, si costruisce con ciò che hai in tasca, in quelli difficili, a rafforzare ciò che è nel cuore.                          

E’ da lì che si ottengono maggiori informazioni su te stesso, quell’intuizione che porta alla padronanza di sé e a un’ulteriore espansione  della forza vitale sia nel campo professionale che personale .

Ti riconosci in un ribelle vincitore?

 

Autore dell’articolo:Adry.W

Tutti i diritti riservati

 




Pinterest

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>