• Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

In questo periodo è apparso nel web un video amatoriale girato in Egitto di un ragazzo che getta da un palazzo una cagnolina dopo averla trascinata per la coda. Ci tengo fin da subito a precisare che:

– non troverete in questo articolo link di condivisione a questo video
– non troverete immagini relative a questa terribile offesa alla dignità degli animali
– questo articolo verrà scritto con l’unico scopo di sensibilizzare la denuncia di video troppo pesanti nel web e non per far aumentare il numero di visitatori di questo blog per merito delle disgrazie altrui…

E’ la prima volta che scrivo un articolo di questo genere, e vorrei che i lettori di questo articolo, quando ne hanno occasione, si fermassero un attimo per trovare il tempo di denunciare un video di questo genere, sia che si trovi su youtube, sia che si trovi su blog più o meno importanti. Ma tutto questo semplicemente per una mia considerazione che spiegherò qui a seguire.

Le più blasonate piattaforme di condivisione attuano preventivamente una politica di censura video, più o meno giusta a seconda dei casi. Ma mettiamoci un attimo nei panni di chi ha girato il video di quella cagnolina gettata dall’ultimo piano del palazzo. Che scopo voleva ottenere pubblicando il video nel web? Le ipotesi sono molte, venendo al sodo… fama,popolarità,affermazione del proprio ego da ignorante.

Con mia soddisfazione ho potuto notare che i tanti commenti a questo video, postato da un utente su facebook, facevano notare una cosa mai successa prima:

“questo video non lo condivido, è troppo violento”
“non condivido questo video se non altro per non far diventar famoso il criminale del filmato”
“non clicco sul mi piace per far diventare popolare chi ha filmato questo scempio”

Una volta tanto, il “mi piace” di facebook è stato considerato nella maniera più giusta ed opportuna. A questo punto sorge la domanda spontanea:
“ma se nessuno avesse condiviso questo video nessuno sarebbe mai venuto a conoscenza di questa storia”

Verissimo… ma perchè allora non condividere tale video con anche la faccia dell’autore del filmato? allora si che avrebbe un senso propositivo.

– chi ha pubblicato il video avrà una popolarità enorme ma al tempo stesso, prima o poi, verrebbe riconosciuto in tutto il mondo come una persona spregevole.
– diverrebbe più immediata la ricerca di tale personaggio da parte delle forze dell’ordine con le relative conseguenze penali del caso.

Chiaramente l’autore di questo video non si sarebbe mai e poi mai fatto inquadrare ma… c’è un ma. Di recente sono apparse nel web anche le immagini del viso del personaggio che ha compiuto questo orribile gesto. Sarà lui? non sarà lui? Qualcuno sicuramente lo conosceva ed ha reso giustizia, per modo di dire, alla povera cagnolina.

Ecco, io un filmato di questo genere lo pubblicherei “volentieri” ma solo dopo essermi veramente informato di quanto è accaduto, con anche le immagini dell’autore del video. La prossima volta, chi si appresta a girare video atroci con il telefonino con l’unico scopo di diventare “famoso” saprà anche che prima o poi qualcuno lo becca, e basta un attimo per vedersi “de visu” nel web, marchiato a fuoco per tutta la vita, privacy o non privacy rispettata.

Voi cosa ne pensate?

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>