• Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

L’obiettivo primario per chiunque realizzi un sito internet è quello di avere il massimo dei visitatori possibili. Questo non solo per una soddisfazione personale, ma soprattutto perché il numero dei visitatori è direttamente proporzionale alla visibilità dei prodotti o dei servizi offerti dal sito e risponde pertanto ad una chiara esigenza commerciale.

È ovvio che questo traguardo non può essere raggiunto curando un solo aspetto del sito, ma è il risultato di un’ampia gamma di attività volte ad aumentare il volume di traffico che una pagina web ottiene dai motori di ricerca. Per ottenere questo si deve curare sia il codice sorgente del sito, sia il suo contenuto in modo che l’articolo si posizioni in maniera adeguata nelle pagine di risposta dei motori di ricerca, ricevendo quindi un’indicizzazione più precisa possibile in base alle parole-chiavi in esso contenuto. Questo processo prende il nome di SEO che è l’acronimo di Search Engine Optimization (Ottimizzazione per i Motori di Ricerca).

L’attività di ottimizzazione per i motori di ricerca include diverse operazioni tecniche che devono essere effettuate sul codice HTML e sulla struttura ipertestuale globale, ma soprattutto occorre intervenire con precisione e cura sui contenuti della pagina.

Gli articoli presenti sul sito, infatti, possono interagire con i motori di ricerca tramite i tag HTML, ossia l’impostazione di parole-chiavi che coprono il campo semantico degli articoli stessi. I web writer professionisti conoscono perfettamente queste tecniche e le applicano sistematicamente, la differenza tra autori di articoli per il web improvvisati e web writer esperti è principalmente questa. Un articolo potrà anche essere ben scritto, ma se è sprovvisto delle parole chiavi adeguate difficilmente avrà la visibilità che il gestore del sito desidera.

La qualità dell’articolo, in termini stilistici, deve ovviamente essere sempre più che accettabile, altrimenti chi lo raggiunge lo abbandonerà presto, ma non è funzionale né al posizionamento nelle pagine di risposta dei motori di ricerca né alla sua indicizzazione.

Se parliamo di qualità dell’articolo SEO, un articolo ottimizzato per i motori di ricerca, invece dobbiamo tener presente sia l’aspetto formale sia il contenuto (in questo caso per contenuto intenderemo non solo le cose che in esso vengono dette ma anche l’impostazione che viene realizzata per ottimizzarne il posizionamento e l’indicizzazione nei motori di ricerca) ed ovviamente questo tipo si qualità la può tenere sotto controllo solo chi conosce il sistema che usano i motori di ricerca per l’indicizzazione e il successivo posizionamento delle pagine.

Autore dell’articolo: Federico Bergna
Questo articolo è protetto dai diritti d’autore

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Una risposta a Come aumentare le visite al vostro sito

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>