• Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Da qualche anno Google, il colosso di Mountain View, adopera un algoritmo per le ricerche che privilegia i siti che contengono determinate keyword (o parole chiave) disposti in una certa maniera. Quando un utente andrà a cercare una parola chiave nel motore di ricerca di Google, sarà senz’altro spinto a visualizzare i link della prima pagina dei risultati. I blog o i siti internet non fanno altro che cercare di accaparrarsi i primi posti in “classifica” dei risultati Google perché, si sa, più in sito è in alto, più ha la possibilità di attrarre nuovi clienti a sé. I webmaster che vogliono creare un buon sito internet adottano il SEO (Search Engine Optimization, ossia la tecnica per ottimizzare la popolarità dei motori di ricerca).

Come si possono fare degli articoli SEO? Oltre le varie tecniche strutturali e puramente pratiche, bisogna capire ciò che interessa maggiormente al pubblico della rete. O scriviamo un articolo a seconda dei gusti del momento, oppure ci dobbiamo basare sul fatto che a molte parole chiave ricercate corrispondono pochi siti (lì la concorrenza è dunque molto bassa). Un buon webmaster consiglierà a chi scriverà per il sito gli articoli delle keywords non casuali, ma solo dopo un accurato studio di “marketing”.

Gli strumenti che ci occorrono per una valutazione strettamente tecnica sono un sito, che stabilisce il rank a seconda delle visite che riceve periodicamente e lo strumento di Google, che valuta le migliori parole chiave a secondo dell’argomento: stiamo parlando rispettivamente di Alexa.com e Google ADWords. Vediamo ora due esempi pratici, uno riguardante un articolo evergreen (sempreverde) e uno riguardante una notizia degli ultimi giorni.

Articolo Evergreen

Innanzitutto bisogna trovare un argomento che sia sempre di moda e di largo interesse: decidiamo di scrivere sui “giochi per cellulare”.

Apriamo il motore di ricerca di Google e cerchiamo “giochi per cellulare”: bene, solo 8.5 Milioni di risultati! Prendiamo in considerazione il primo sito che troviamo e cerchiamolo su Alexa. Vedremo delle importanti informazioni come il Rank mondiale e italiano, le visite mensili e di sempre e le parole chiave che hanno ricercato gli utenti per raggiungere il sito. Visto il rank che ha il sito, basterà cercare di raggiungere quasi quelle cifre per essere posizionati in alto. Non ci resta che vedere le keywords più ricercate: apriamo Google Adwords con il link postato in precedenza, e scriviamo ancora una volta “giochi per cellulare”: al momento verranno segnalate le seguenti informazioni:

  • Ricerche globali e locali per la parola specifica: 45.000 al mese;
  • Altre parole chiave attinenti: giochi per cellulare gratuiti, giochi per il cellulare gratis, giochi free per cellulare, giochi cellulare gratis, scaricare giochi per il cellulare, e tanti altri.

A seconda del livello concorrenziale (più basso è, meno concorrenza c’è), dobbiamo scrivere un articolo utilizzando più parole chiave possibili, scritte per come sono (al massimo 1-2 caratteri in più tra le parole), posizionandole tra le prime righe del paragrafo. Il posizionamento delle keywords, tra le prime righe del corpo testo o nel Tag Title, è essenziale perché così vengono indicizzate molto velocemente da Google.

Articolo News

La procedura sostanzialmente è la stessa, solo che dobbiamo ricercare prima il tema per il nostro articolo. Nella pagina iniziale di Yahoo sulla destra è già possibile vedere le parole chiave più cercate del giorno e farsi un’idea delle news di cui trattare. In alternativa si possono leggere gli argomenti da Google News o prendere spunto dai temi di attualità. Vogliamo parlare del batterio killer che si pensava risiedesse nei cetrioli? Bene, utilizziamo Google ADWords e vediamo le parole chiave più cercate: al primo posto troviamo “escherichia coli” e quindi non dovremo fare altro che assicurarci che nel nostro articolo siano presenti queste parole.

Ovviamente esistono moltissime altre tecniche avanzate per il SEO, ma in linea di massima la procedura standard è questa.

La qualità dell’articolo è oltretutto determinante per il traffico che si può ottenere. Infine segnaliamo che Google sta mettendo il pulsante “+1″, che aiuterà a far salire di rank il vostro sito, se scriverete articoli di qualità e interessanti.

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>