• Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Molte persone sono coinvolte nel commercio del Forex, strategia simile alla negoziazione di borsa, ma il trading FX si è diffuso su una scala molto più globale. Gran parte del commercio avviene tramite banche, governi, brokers e una quantità di scambi si svolge in ambienti di vendita “al dettaglio”.

Con l’attuale crisi globale, i mercati finanziari stanno incrementando notevolmente le negoziazioni sul Forex. Milioni di euro, di dollari e altre valute, sono negoziati su base giornaliera tra molti dei più grandi paesi e questo sta andando ad includere una certa quantità di scambi nei paesi più piccoli come investimento redditizio.

Dagli studi fatti nel corso degli anni, la maggior parte dei commerci nel mercato del Forex è fatto tra le banche chiamato “commercio interbancario”.

Le banche rappresentano infatti circa il 50 per cento del trading nel mercato, quindi, se le banche stanno ampiamente utilizzando questo metodo per aumentare le rendite degli azionisti e per il loro miglioramento nelle proprie attività, significa che il denaro è anche a disposizione per gli investitori più piccoli.

Durante la notte una banca investirà milioni nei mercati Forex, e il giorno dopo metterà quel denaro a disposizione del pubblico all’interno dei loro risparmi, conti correnti ecc.

Le aziende commerciali sono sempre più spesso coinvolte. Grandi società come Deutsche Bank, UBS, Citigroup, HSBC, Braclays e altri ancora, come Goldman Sachs, ABN Amro e così via, sono attivamente presenti nei mercati Forex.

L’offerta di moneta, la disponibilità di denaro e i tassi di interesse sono controllati dalle banche centrali. Queste giocano un ruolo importante e si trovano a Tokyo, New York e Londra. Comunque non sono le uniche posizioni centrali per il Forex Trading, ma sono tra le più “grandi “coinvolte in questa strategia di mercato.

Autore dell’articolo: Adry W.
Tutti i diritti riservati

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>