• Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

La guida che sto per presentarvi contiene la descrizione di un elenco dei termini tecnici maggiormente utilizzati nei blog. Sembrerebbe quasi scontato parlarne ma quanti di noi molte volte si è ritrovato a voler utilizzare un opzione di un blog e capirne il reale utilizzo?

Ecco quindi un elenco dei principale termini tecnici con relativa spiegazione:

Ping back: quando ad esempio per email, veniamo informati che è stato effettuato un “ping back” nel nostro blog, significa che da qualche parte nel web, un utente ha commentato il post di un autore citando e scrivendo il link del nostro blog nel commento stesso. In termini pratici: A) scrive un articolo nel suo blog. B) vede l’articolo e lo cita su un altro blog scrivendo il link di A nel commento che ha fatto. A) viene informato per email che sul blog in cui B ha lasciato un commento si sta parlando del blog di A. I pingback funzionano solamente se due piattaforme di blog hanno attivato la funzione di “ping back”.

Trackback: è esattamente quello che B ha fatto nei confronti di A. Il track back è infatti l’azione eseguita per dare origine al ping back, che in sostanza è il link d’informazione che ci fa capire che qualcuno ha fatto un trackback su un altro blog su un nostro articolo che abbiamo scritto.

Permalink: è l’url di un nostro articolo che si presuppone rimanga in rete per parecchio tempo. Ad esempio la parte finale di questo url http://www.articoliinvendita.net/il-significato-dei-principali-termini-usati-nei-blog è il permalink di questo specifico articolo.

Contrassegna il permalink: molti blog e siti web permettono al lettore di contrassegnare il permalink. Significa in sostanza dare la possibilità al lettore di seguire una discussione o una articolo senza comunque visionare direttamente un sito web. Quando ci si “contrassegna” ad un permalink possiamo ad esempio ricevere gli aggiornamenti ed i commenti a tale articolo direttamente nella nostra casella di posta elettronica.

Feed: è il servizio molto simile a “contrassegna il permalink”. Abbonarsi al feed di un blog o sito web permette di ricevere tutte le ultime notizie di un determinato sito/blog e leggerle in apposite “agende on-line”. Queste “agente on-line” possono essere ad esempio Google reader o Feedburner. In gergo vengono chiamati anche “reader” o “lettori di feed”. E’ possibile abbonarsi anche a diversi tipi di feed che mostrano solo i commenti di un articolo, oppure determinati articoli in certe categorie.

Layout: tradotto in inglese significa “impaginazione”. Modificare il layout significa appunto modificare l’aspetto grafico e strutturale di una pagina internet o di un articolo.

Script: sta ad indicare un particolare tipo di programma che può essere utilizzato come funzione o integrazione di un software o applicazione web.

Share: significa letteralmente “condividere”. Questo termine lo si trova specialmente per un’unica funzione. Far sapere ai social network (ed altre piattaforme simili) che in quel sito è presente l’articolo che abbiamo appena letto.

Plug-in: simile al termine “script” ma che comprende una più vasta area di applicazioni. Quando si dice ad esempio “installare un plug-in” significa poter utilizzare un programma che implementa ed integra funzioni ad esempio per un blog o sito web.

Editor: applicazione web che permette di scrivere o modificare testi,articoli o codici di programmazione

Web friendly: utilizzato soprattutto come gergo, indica l’utilizzazione di un linguaggio mirato ad indicizzare un contenuto specifico dai motori di ricerca. Ad esempio se stiamo scrivendo un articolo riguardo l’uscita di un nuovo telefono, potremo scrivere parole web friendly come sms, mms, connessione internet, bluetooth, ecc. Questo aiuterà i motori di ricerca a codificare in modo migliore il contenuto e l’obiettivo del vostro articolo

Seo (search engine optimization): è tutta quella serie di argomenti e tecniche utilizzate riguardo l’indicizzazione di un sito (ed il loro contenuto) ai motori di ricerca.

Tag: indica con una sola parola (o al massimo due o tre termini) il riassunto di un articolo. Se scriviamo ad esempio un articolo su come indicizzare il nostro sito web, il nostro tag sarà ad esempio “ articolo SEO”. I tag sono visibili soprattuto nei blog. Se cliccheremo su un tag molto probabilmente arriveremo ad una pagina avente come contenuti articoli in riferimento al tag.

Federico Bergna
Questo articolo è protetto dai diritti d’autore.

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

2 risposte a Il significato dei principali termini usati nei blog

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>