• Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Per ottimizzare un articolo con i nuovi algoritmi di google e portarlo alle prime posizioni del motore di ricerca è importantissimo indovinarne il titolo. Si tratta proprio di indovinare perché molto spesso una notizia o un contenuto arriva nelle prime pagine perché gli utenti ricercano nel motore proprio le parole contenute nel testo e cliccano sul titolo che risponde di più alla ricerca che hanno fatto. Questo vuol dire che quando gli utenti di google si mettono a cercare, tutti insieme o nel giro di poche ore, una determinata sequenza di parole lo fanno in risposta ad un input che gli è arrivato da qualche altra fonte, spesso esterna ad internet. Possono essere la televisione, la radio o i giornali ma quello che interessa a noi è che questo fenomeno è presso che fulmineo e che, quando si verifica, il nostro articolo deve già trovarsi in linea con le parole giuste nel titolo. Il nuovo algoritmo di Google considera più attendibili, per quel dato argomento, i siti che hanno il più alto numero di visite. E’ importantissimo, quindi, che l’utente clicchi sul nostro articolo perché si possa fargli scalare la SERP e posizionarlo in alto nella pagina.
Il titolo e le keyword usate diventano quindi persino più importanti del contenuto dell’articolo perchè attirano il  traffico.

Da quello che si può osservare, il nuovo algoritmo potrebbe anche valutare la vicinanza fra le keyword nel titolo per giudicare la pertinenza dell’articolo all’argomento. Ovviamente, le keywords devono essere anche nel contenuto stesso, perché il motore consideri l’articolo abbastanza pertinente da poter essere messo in rilievo.

Per fare un esempio pratico prendiamo un articolo che parli delle sfilate di moda per uomini che si sono tenute a Milano nel periodo fra il 18 e il 21 giugno 2011.

Le keywords o parole chiave individuate sono “abbigliamento”, “moda”, “uomo”, “Milano”, “eventi”. Innanzi tutto tutte e cinque le parole devono essere ripetute più volte nel contenuto, e il titolo più Seo che potrebbe esserci è “Abbigliamento Moda Uomo”, che però non dice nulla all’utente che potrebbe non essere interessato a cliccare sul nostro articolo. Per trovare il titolo ottimale SEO si suggerisce di cercarlo noi stessi su google, sfruttando i suggerimenti dati da google stesso quando si fanno le ricerche. Inserendo una keyword alla volta si viene così a scoprire che le persone cercano frasi come “abbigliamento moda uomo 2011” o  “abbigliamento moda milano”, che sono titoli ancora troppo poco SEO  per il nostro articolo. Si tentano diverse combinazioni fino a che non si trova il gruppo di parole più pertinenti al nostro articolo. Ad esempio un buon risultato potrebbe essere ottenuto con “moda milano uomo sfilate”. Quindi il nostro titolo Seo potrebbe essere: “Moda a Milano: per l’uomo sfilate d’abbigliamento glamour ed eventi chic”. Con questo titolo, che raccoglie all’interno tutte e 5 le keyword che abbiamo inserito nel nostro contenuto, più una, “sfilate “ che avremo l’accortezza di aggiungere al contenuto, avremmo una buona speranza di scalare le serp. Da notare infatti è anche la vicinanza fra le parole “Moda” e “Milano” e “Uomo” e “sfilate” che danno ottime credenziali alla pertinenza dell’articolo.

Il resto del successo dell’articolo è dato dalla nostra capacità di intuire cosa cercheranno gli utenti nelle prossime ore.

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Una risposta a Il titolo di un articolo: l’importanza delle parole chiave per attirare l’attenzione

  • marica scrive:

    ma inserire troppe parole chiave non è forzare la mano? Nel senso google potrebbe decidere di penalizzarti per averne fatto un uso abuso?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>