• Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

l'importanza del titolo negli articoli

Ho più volte sottolineato in questo blog come l’importanza nell’ideare un titolo vincente possa portare al proprio sito web anche centinaia di utenti in un solo giorno. Chiaramente dipende soprattutto da quanto e come viene visitato un sito e dalla reale utilità del contenuto stesso dell’articolo che diffondiamo in rete. Sembra un discorso banale e scontato ma spesso non ci soffermiamo abbastanza nel dare il giusto valore a quell’elemento fondamentale e primario che permette di convogliare come un vero e proprio imbuto, l’utenza verso il nostro sito: il titolo di un articolo!

Se proviamo a cercare su google qualsiasi tipo di informazione noteremo che la composizione dei vari titoli è di una varietà incredibile. Troviamo titoli che sembrano riassunti dell’articolo che andremo a leggere, titoli che promettono mare e monti e poi rilevano contenuti di bassa qualità (io li chiamo titoli spam, ovvero quei titoli che hanno l unico scopo di far entrare il visitatore per poi mostrargli una pagina piena zeppa di advertising). Esistono poi dei titoli micidiali, che abbinano esclusività della notizia e composizione di parole chiave che raggruppano in poche parole una molteplicità di argomenti riconducibili però tutti ad un solo elemento-concetto.
In questo articolo però voglio farvi vedere cosa ho notato nel web. Un titolo composto semplicemente da due parole che ha scatenato una vera e propria reazione di commenti tra il popolo della rete.

L’università serve?

Seguendo il link segnalato, potrete notare come nel più blasonato e specializzato network per guadagnare nel web ci sia una sezione off-topic dedicata a qualsiasi argomentazione che non rientri strettamente nella mission del sito. Tra i vari thread aperti, spunta appunto la discussione “l’università serve?” con 1070 visite (08/08/2011) contro una media di 60-70 visite degli altri topic aperti. Un’enormità di visualizzazioni! Da notare quindi che queste 1070 visite non solo hanno raggiunto questo livello essendo la discussione ospitata in un sito molto frequentato ma piuttosto perchè il titolo e l’argomento proposto ha coinvolto innumerevoli persone anche non direttamente coinvolte nella domanda posta dall’autore stesso del thread.

Ecco che allora l’importanza di un titolo sia che riguardi un articolo, un thread aperto in un forum, un tweet su twitter, un messaggino sulla bacheca di facebook, possono realmente fare la differenza rispetto ad un altro contenuto di pari livello. Soppesare l’importanza delle parole e la composizione delle frasi, permette realmente di far incollare letteralmente allo schermo i nostri lettori! Provate allora a prendervi 10 minuti del vostro tempo una volta che avete realizzato un articolo, pensate ad un titolo che possa in poche parole destare curiosità ma al tempo stesso indicare il punto focale dell’argomento che andrete a trattare, analizzate le parole chiavi del titolo stesso e valutate se le parole che lo compongono, sono eventualmente troppo competitive per confrontarsi con altri risultati già presenti nei motori di ricerca oppure se invece potete “giocarvela” ottenendo magari la soddisfazione di scavalcare qualche risultato nelle serp rispetto la concorrenza.

A proposito… il titolo di questo mio articolo ha centrato pienamente l’obiettivo? :) Dimmi cosa ne pensi e se hai eventualmente altri suggerimenti per comporre un titolo competitivo e di successo lascia un commento, sarà molto utile per i lettori di questo blog.

Autore dell’articolo: Federico Bergna
Questo articolo è protetto dai diritti d’autore

 

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Pinterest
  • Google Plus

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>